logo +agronomo e garden designer

facebook
linkedin
youtube
pinterest
instagram
tiktok

© 2024 by Alessandro Accastello.​

                                                                P.IVA 11591720013       info@agronomoaccastello.com

SCOPRI

 

Chi sono

 

blog

 

Valori

 

FAQ

 

3 MOSSE PER UN PRATO VERDE DA FAVOLA: prato all'italiana vs prato all'inglese

2021-03-22 19:10

Alessandro Accastello

Giardino Fai da te, prato verde, green, prato all'inglese,

3 MOSSE PER UN PRATO VERDE DA FAVOLA: prato all'italiana vs prato all'inglese

Non è difficile avere un bel prato se sai come fare...

"Sono anni che provi a curare il tuo prato con tanta buona volontà e ti accorgi che il risultato proprio non ti soddisfa e il tuo tappeto erboso è pieno di buchi e zone secche?"

 

Non preoccuparti, non è difficile te lo assicuro, ci sono 3 cose che, se fatte bene, permettono al tuo tappeto erboso di essere assolutamente "un bel prato".

 


Nel corso della mia esperienza professionale ho capito che le persone che desiderano un tappeto erboso si dividono in due categorie: amanti del prato all'inglese e amanti del prato all'italiana...

..."Che cosa, ma di che parli? Tutti vogliono un bel prato"...

 

Come sempre il concetto di bello è relativo.

Il primo tipo, il prato all'inglese, è un tappeto uniforme, sempre tagliato cortissimo e impeccabile ma questo genere è esigente in termini di lavoro, bello, quasi perfetto, ma finto in termini di sostenibilità (pensate a tutta la manutenzione e i trattamenti fitosanitari che richiedono i campi da golf).

La seconda tipologia, il prato all'italiana, è un tappeto verde ugualmente bello, ma in modo diverso, meno impegnativo da curare, più ricco di biodiversità e comunque di pregio. Per capirci è quel prato dove giocavi a calcio da piccolo, dove passavi le domeniche a rincorrerti con gli amici o dove passavi le pasquette in compagnia delle persone che ami. Con la giusta manutenzione anche questo tipo di green non sfigura di fronte al corrispettivo inglese in termini di uniformità e resa estetica.

In sostanza se anche voi preferite un prato a basso impatto ambientale e sostenibile, dove far giocare serenamente i vostri figli o i vostri pets, dove non sia necessario dare neanche una goccia di diserbante o altri prodotti cancerogeni, siete come me anche voi sostenitori del "Prato all’italiana".

I tre segreti per un prato verde magnifico di questo tipo sono tanto ovvi quanto la mancanza di uno di questi fa saltare tutto il sistema.

Non serve a niente rovinarvi la schiena o svuotarvi il portafoglio tutti gli anni a riseminare il prato, perché volete avere il green da golf da guardare e non toccare. Per un bel prato servono tre cose fondamentali e la terza è la più importante:

-una buona concimazione di azoto N per la crescita, P fosforo per radicazione e K potassio per buon metabolismo e resistenza all’inverno (il concime a lenta cessione è perfetto perchè rilascia tutti questi nutrienti nelle giuste concentrazioni e dilazionati nel tempo);

-una irrigazione calibrata durante l’anno (con un buon lavoro di base di sistemazione del terreno ed un sensore a pioggia, si può arrivare anche solo ad un'irrigazione di emergenza nei mesi estivi);

-un taglio FREQUENTE (il vero segreto). Mettetevi il cuore in pace, non basta tagliare il prato una volta a settimana, più aumentate la frequenza di taglio e più il risultato sarà migliore, se volete un bel prato dovete tagliarlo a giorni alterni e non troppo basso perchè diventa più sensibile ai microorganismi patogeni (in particolare i funghi). Altrimenti se avete la possibilità di usare un robot rasaerba ve lo consiglio, è il meglio, e i costi oggi sono contenuti per l'acquisto(soprattutto se ragionati in termini di tempo e costi risparmiati su tutti i tagli).

Ps. nella descrizione del mio video trovate i prodotti perfetti da usare che consiglio, tra cui il concime di cui parlo.

COME CONTATTARMI

 

Contatti

 

NEWSLETTER

 

Scarica l'E-book gratuito "Realizzare il tuo giardino risparmiando con il Bonus Verde"

 

Privacy-policy

 

Cookie-policy